Sala Stampa

Phononic Vibes: la start up che promette di silenziare i mezzi di trasporto

Phononic Vibes: la start up che promette di silenziare i mezzi di trasporto

La particolare copertina di oggi è dedicata al progetto di Phononic Vibes, una delle 120 Start Up incubate dal Polihub del Politecnico di Milano, che ha l’ambizione di “silenziare” i mezzi di trasporto. Si tratta di una sorta di magic box che grazie al suo disegno è capace di assorbire suoni e vibrazioni. Ci racconta questo progetto l’amministratore delegato, Luca D’Alessandro.

Puoi spiegarci da dove nasce questa idea?
L’idea è nata durante il mio dottorato di ricerca presso il Politecnico di Milano. Sono state depositate due domande di brevetto che si focalizzano sull’utilizzo di meta-materiali per isolamento vibrazionale ed acustico. Per quanto riguarda lo specifico settore dei trasporti abbiamo sviluppato dei pannelli che vanno in trincea lateralmente rispetto al binario ferroviario (quindi interrati) che isolano le abitazioni adiacenti dal passaggio del mezzo. Le potenzialità di applicazione sono sia in ambito urbano che e xtra-urbano. Quali sono le aziende che potrebbero acquistare il vostro prodotto? Con quali avete già preso accordi? Interesse da parte delle pubbliche amministrazioni?
In questo momento siamo in trattativa con i gestori delle reti ferroviarie locali per delle metrature di testing.
Quali potrebbero essere le ricadute positive che il vostro progetto potrebbe apportare a livello sociale? Si può parlare di un abbattimento totale dei decibel prodotti?
Sicuramente a livello vibrazionale c’è un beneficio sociale tangibile che si concretizza nella riqualificazione di abitazioni adiacenti all’infrastruttura ferroviaria. Riguardo l’emissione acustica stiamo sviluppando pannellature con prestazioni molto elevate e trasparenti per migliorare il comfort acustico.
Per quanto riguarda i costi?
Per quanto concerne i costi siamo allineati, se non più vantaggiosi, delle attuali soluzioni. Per 1 km si parla di circa 200 k€.
Quali sono i vostri progetti da qui a 5 anni?
Sicuramente portare a casa le prove che abbiamo iniziato con i partner locali, per poi espanderci all’estero. In questo momento abbiamo preso contatti con le sole ferrovie svizzere ma contiamo entro l’anno prossimo di contattare altri Paesi in UE.   
 
I fondatori della start up sono:
- Luca D’Alessandro, 28 anni, ingegnere civile al Politecnico dove ha conseguito con lode il dottorato di ricerca, è amministratore delegato di Phononic Vibes srl da Luglio 2018. Nella sua attività di ricerca tra il Politecnico e il Massachusetts Institute of Technology Luca ha studiato meta-materiali per mitigare fenomeni di emissione vibro-acustica e su questo tema è co-autore di diverse pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali.
- Giovanni Capellari, 29 anni, ingegnere civile al Politecnico di Milano dove ha conseguito con lode il dottorato di ricerca, è direttore operativo di Phononic Vibes srl da Luglio 2018. Nel suo dottorato di ricerca, Giovanni si è concentrato su algoritmi complessi di machine learning per ottimizzazione di disosizione di sensori per monitoraggio strutturale.
- Stefano Caverni, 25 anni, ingegnere civile con lode al Politecnico, ha sviluppato la sua tesi di laurea su meta-materiali per applicazioni in vibro-acustica ed è ora direttore tecnico di Phononic Vibes srl.
 
Pantecnica è orgogliosa di essere partner di Phononic Vibes